Eccellente qualità delle immagini anche con scarsa illuminazione © iStockphoto.com / vicnt

Eccellente qualità delle immagini anche con scarsa illuminazione

Le moderne videocamere sono più sensibili alla luce di quanto non lo sia l'occhio umano. Con le diverse opzioni di ottimizzazione elettronica delle immagini di cui dispongono, le videocamere diurne/notturne riprendono anche di notte immagini ben utilizzabili in modalità bianco e nero. Le videocamere dotate di sensori di alta qualità e di funzioni aggiuntive, quindi, sono particolarmente consigliabili nel caso di proprietà esposte a incidenze della luce estremamente variabili, oppure quando dovesse essere necessaria una rilevazione automatica dei movimenti.

Compensazione elettronica dell'esposizione con un forte controluce

Un forte controluce pregiudica la qualità dell'immagine del sistema di sorveglianza, ad es. se la videocamera è rivolta dall'edificio verso l'esterno, in direzione della luce diurna. Questo abbagliamento causa la sovraesposizione di alcune aree delle immagini, in cui non è possibile riconoscere praticamente nulla. Con la controregolazione automatica, inoltre, si ottengono immagini con aree scure e irriconoscibili nei punti dove la luce non penetra direttamente.

Una tecnologia ampiamente collaudata per riprese di buona qualità in condizioni di controluce è quella delle videocamere con funzione WDR (Wide Dynamic Range). La funzione WDR separa le aree chiare da quelle scure e ciascuna di esse è ripresa con l'esposizione ottimale. Tali riprese sono quindi raggruppate elettronicamente a formare un'immagine illuminata in modo uniforme.

Compensazione elettronica dell'esposizione con un forte controluce © ABUS

Speciali sensori di immagine per la compensazione della luminosità con contrasto elevato

In determinate località, il campo visivo della videocamera è esposto ad un'incidenza della luce fortemente variabile e in costante mutamento. I livelli di luce, ad esempio, possono passare in breve tempo dal molto scuro al molto chiaro in seguito al cambiamento della posizione del sole durante la giornata o per l'apertura e la chiusura del portone di un capannone.

Per le situazioni con forti contrasti di luce conviene utilizzare videocamere con sensori di immagine CCD particolarmente sensibili alla luce (ad es. Sony Effio) e chipset finemente regolabili, che si adattano rapidamente alla variazione delle condizioni della luce e garantiscono una precisa ottimizzazione elettronica delle immagini. Il risultato che si ottiene sono immagini particolarmente nitidi anche di notte.

In alternativa è possibile utilizzare una videocamera con sensore CMOS Pixim. I sensori di immagine dotati di questa tecnologia regolano separatamente l'esposizione di ciascun pixel, assicurando una compensazione ottimale della luminosità e, di conseguenza, immagini di buona qualità soprattutto con forti contrasti.

Riduzione del rumore per una buona riconoscibilità dei dettagli con luce debole

All'ombra di edifici o di alberi ad alto fusto, ma anche nei cortili interni o negli ingressi stretti, la luce è spesso insufficiente per ottenere immagini video nitide, come accade ad esempio al crepuscolo. La conseguenza è un forte rumore delle immagini nelle riprese video. Questo rumore rende più difficile il riconoscimento delle persone e compromette il rilevamento automatico dei movimenti. In più occupa inutilmente molto spazio nella memoria degli apparecchi di registrazione collegati, dal momento che i registratori interpretano questo rumore come un'informazione dell'immagine.

La soluzione di tale problema è la cosiddetta riduzione del rumore digitale (DNR o la più potente DNR 3D). Le videocamere con funzione DNR dispongono di un filtro estremamente sensibile che separa il rumore dall'immagine utilizzabile, in modo da fornire immagini costantemente chiare, nitide e dettagliate.

Commutazione dalla luce diurna alla visione notturna

Di notte la maggior parte delle videocamere non fornisce più immagini utilizzabili. Le videocamere diurne/notturne, invece, con il buio commutano direttamente in modalità bianco e nero, che è più sensibile alla luce e consente di ottenere risultati migliori rispetto alla modalità a colori. Nel funzionamento notturno, il filtro di blocco IR automatico integrato nelle videocamere diurne/notturne si orienta in modo da allontanarsi dalla proprietà, affinché la luce di proiettori a infrarossi esterni possa essere utilizzata anche per le riprese notturne.
La scelta ottimale per le riprese notturne può anche essere una videocamera diurna/notturna IR nella quale sia già integrata l'illuminazione a infrarossi sotto forma di LED IR. Verificate che la portata dell'illuminazione IR sia sufficiente per le vostre esigenze. Le videocamere con proiettori IR sono particolarmente consigliabili per interni dove di notte regna l'oscurità assoluta.

Commutazione dalla luce diurna alla visione notturna © iStockphoto.com / IvanBastien