NAVIGATION

magazin

Bienvenue à Paris!

È finita! Dopo 21 stage e un incredibile totale di 3.540 km, il Tour de France 2017 finisce il 23 luglio sui famosi Champs-Élysées di Parigi. Il team Movistar ha dovuto affrontare una notevole sconfitta proprio all'inizio del tour: il co-capitano Alejandro Valverde è caduto violentemente durante la fase preliminare della crono e ha dovuto abbandonare con una rotula rotta. La squadra ha dato tutto e Nairo Quintana è riuscito a lasciare il segno in montagna: il primo favorito ha guidato una coraggiosa corsa e ha ottenuto un secondo posto alla tappa 13. Ricompensa per i loro sforzi: Dopo più di 86 ore complessive di corsa, è caduto, solo pochi minuti dal podio di Parigi. Per il colombiano il doppio del Giro d'Italia, in cui ha finito in un ottimo secondo posto e il Tour de France non hanno portato il successo che aveva sperato. Il team Movistar ha impressionato per il suo spirito di combattivo e il coraggio con cui i corridori hanno gareggiato e hanno dato tutto. Alla fine, si sono distinti nella classifica generale: Nairo Quintana al 12 ° posto e Carlos Betancur 18° posto. Nella fase finale Daniele Bennati ha ancora una volta mostrato ai giovani sprinters come si fa: il trentaseienne ha finito al 10° posto.

Da quando avevo 15 anni, sogno di correre in bici verso Parigi

Ma non è tutto: il sogno al Tour de France si avvera! Fin dall'età di 15 anni, il corridore tedesco  del Team Movistar Jasha Sütterlin aveva un solo obiettivo: un giorno raggiungere la linea di arrivo a Parigi come ciclista professionista! Con due numeri di partenza sulla schiena e un casco da professionista in testa, quasi 10 anni dopo è riuscito nel suo intento - bravo Jasha! In più l'uomo di Freiburg non solo ha spiccato per il suo supporto a favore di Nairo Quintana, ma ha impressionato anche per il tempo ottenuto nella crono, nonostante fosse in sella da quasi tre settimane e le qualificazioni ad altri Grand Tour.

Equilibrio

ABUS fornisce i caschi per i nove corridori selezionati nel team al Tour de France. Ogni rider riceve un equipaggiamento che comprende tre diversi tipologie di casco in modo che siano ben attrezzati per tutte le condizioni. Esiste un casco perfetto per ogni stage: indipendentemente dal fatto che sia un casco crono estremamente aerodinamico (GameChanger), una protezione altamente ventilata per l'utilizzo su tappe di montagna lunghe e calde o il perfetto all-round (TecTical 2.0). Tutti offrono una cosa: un alto livello di sicurezza per garantire la protezione sia per i pro che per i ciclisti amatoriali. Insieme ai modelli per i leader (maglia gialla, verde e pois) il numero di caschi è superiore a 70.

ABUS in Tour

Difficilissima, unica nel suo genere e ricca di emozioni

Dal 1° luglio al 23 luglio 2017 la 104a edizione del Tour de France toccherà 21 tappe, percorrendo una lunghezza totale di 3540 chilometri. Dopo la cronometro inaugurale di Düsseldorf, i momenti più emozionanti della corsa saranno il passaggio sul passo alpino Colle del Galibier e l'arrivo in salita sulle Alpi, al Colle dell'Izoard. La cosiddetta Grande Boucle farà tappa in tre Paesi confinanti: Germania, Belgio e Lussemburgo. In Francia verranno attraversati 34 départements. Ma le curiosità non sono finite: nel 2017 sono in programma i cinque massicci francesi più importanti Dopo i Vosgi, per i team sarà l'ora del Giura, quindi dei Pirenei, del Massiccio Centrale e delle Alpi. L'arrivo di questa gara lunga tre settimane è previsto il 23 luglio sugli Champs-Èlysées di Parigi, come da tradizione.

Si parte con una "Grand Départ", una cronometro di 14 chilometri per le strade di Düsseldorf

E chissà, magari sarà un ciclista tedesco, con Tony Martin, a poter indossare la prima maglia gialla dell'anno. Per gli uomini del Movistar Team, capitanati da Nairo Quintana, anche quest'anno l'obiettivo è uno solo, già dalla prima tappa: non perdere tempo. Anche quest'anno, infatti, sarà tutta questione di secondi! Ma i ciclisti non saranno gli unici a dare tutto se stessi a Düsseldorf. Anche per questa edizione del Tour il team ABUS, composto da 100 ospiti, sarà lungo il percorso a incitare i corridori.

Le tappe nel dettaglio: la Grande Boucle conta nove tappe pianeggianti, cinque tappe collinari, cinque tappe di montagna, tre arrivi in montagna (Planche des Belles Filles, Peyragudes, Colle dell’Izoard), due cronometro. I (soli) due giorni di riposo daranno modo ai ciclisti di recuperare un po' di energie. Il leader della classifica generale verrà consacrato nel corso della 20a e penultima tappa, dopo una cronometro di 22,5 chilometri a Marsiglia.
E se la lotta per la maglia gialla rimarrà avvincente per tutte e tre le settimane, a renderla ancora più avvincente ci penseranno gli accrediti di tempo: i primi tre della tappa ricevono rispettivamente 10, 6 e 4 secondi di bonus.

Oltre alla maglia gialla per il leader della classifica generale, ci sono altre ambitissime maglie distintive

La maglia verde spetta al leader della classifica a punti. I punti vengono assegnati al traguardo di ogni tappa e nei traguardi intermedi. Il leader della classifica scalatori indossa invece la maglia bianca con pois rossi. I punti vengono assegnati al passaggio di ogni vetta e ai traguardi intermedi. La maglia bianca viene assegnata al miglior professionista under 25. Come le maglie distintive, ABUS mette a disposizione del Movistar Team caschi distintivi idonei in tutte le varianti.

Casco giallo © ABUS
Casco bianco © ABUS
Casco verde © ABUS
Casco rosso © ABUS

   

ABUS sponsor ufficiale di caschi del Movistar Team

Il Movistar Team può fidarsi totalmente della partnership di successo con ABUS. Negli ultimi mesi l'azienda tedesca ha sviluppato con il team spagnolo un casco da corsa spettacolare, stabilendo nuovi criteri di riferimento per quanto riguarda aerazione, peso e sicurezza. Il casco verrà introdotto per la prima volta al Tour de France. 

Ultime notizie su facebook:

ABUS Cycling

ABUS GameChanger

Ciclismo significa spirito di squadra, abnegazione e sacrificio, ma anche passione, dedizione e disciplina

In particolare per il Movistar Team, il team di maggior successo dell'UCI World Tour nel 2013, 2014, 2015 e 2016. Si tratta di successi individuali e per il team. 28 ciclisti da nove Paesi diversi danno il proprio prezioso feedback. Questa collaborazione alla pari contribuisce alla creazione di caschi eccellenti, come il nuovo GameChanger, e ci permette di scrivere una storia di successo comune. ABUS garantisce al Movistar Team la sensazione di sicurezza di cui ha bisogno.

Sportiver Aerohelm - GameChanger   © Peter Witek
TecTical Pro 2.0   ©ABUS

ABUS TecTical Pro 2.0 

TecTical Pro 2.0 Movistar Team: dai professionisti per i professionisti

Tec-Tical Pro 2.0, il casco pensato per i professionisti, è stato ulteriormente sviluppato grazie a un vivace scambio di idee con i professionisti delle due ruote capitanati da Nairo Quintana e Alejandro Valverde del Movistar Team – il migliore team ciclistico UCI del momento – per soddisfare le massime esigenze dei ciclisti. Il peso minimo assicura il massimo comfort, mentre l'eccellente aerazione garantisce una termoregolazione ottimale in tutte le fasi della gara! Il casco è disponibile con lo stesso design e la stessa forma anche per i ciclisti amatoriali più ambiziosi.

Ultime notizie su facebook:

ABUS Cycling